La festa 5 stelle del Mugello: Programma della seconda edizione

mezzo volantino 13405530_1792393830980227_1604392201_o

Il M5S del Mugello comunica ai cittadini che i giorni 17, 18, 19 Giugno presso l’area feste di Dicomano in via Ciro Fabbroni si svolgerà la Festa 5 stelle del Mugello con qualche mese in anticipo rispetto all’edizione precedente. Invitiamo Cittadini, Simpatizzanti, e Attivisti a partecipare in attesa dei risultati dei ballottaggi. Di seguito elenchiamo il programma dei 3 giorni.

Venerdì 17 Giugno i temi trattati nei dibattiti a partire dalle 21 saranno inerenti alla Centrale a Biomasse di Petrona, all’inceneritore di Case Passerini, e alla mobilità in Valdisieve. Interverranno portavoce dei comitati e del M5S:

  • Simone Peruzzi del ”Comitato Contro la Centrale a Biomasse di Petrona”

  • Giulio Signorini di “Rifiuti Zero Firenze”

  • Roberta Livi di “Vivere in Valdisieve

  • una rappresentante delle “Mamme No Inceneritore”

  • un rappresentante dei pendolari della Valdisieve

  • Chiara Gagnargli, deputato M5S commissione Agricoltura

  • Dott.ssa Quirina Cantini, Portavoce Meetup Bagno a Ripoli 5 Stelle

  • Francesco Mastroberti, Consigliere M5S Calenzano

  • Luca Roggi, Consulente della Commissione Ambiente Camera

Lo spazio della nostra festa è aperto ad eventuali altri comitati ed ad altri interventi.

Il Sabato 18 Giugno i temi trattati nei dibattiti a partire dalle 16,30 saranno inerenti al Reddito di Cittadinanza, Microcredito, Referendum sulla Riforma Costituzionale ed Elettorale, presentazione del Libro “E io Pago: Sprechi e privilegi nel Comune di Roma”. Interverranno:

  • Daniele Frongia, Consigliere M5S Roma ed autore del libro “E io Pago”

  • Laura Bottici, Senatrice M5S e Questore del Senato

  • Alfonso Bonafede, Deputato M5S e Vicepresidente della Commissione Giustizia

  • Emanuele Cozzolino, Deputato M5S Commissione Affari Costituzionali

  • Enrico Cantone, Consigliere Regionale M5S

Come negli altri giorni, lo spazio dei nostri dibattiti è aperto ad eventuali interventi. Comunichiamo che il Prof. Nicola Ferrigni, il cui intervento era previsto nel pomeriggio secondo il volantino, non potrà essere presente, perché impegnato come presidente di seggio a Roma.

Domenica 19 Giugno i temi trattati nei dibattiti a partire dalle 16,30 saranno relativi al governo del territorio, all’attività amministrativa e alle Banche tra lobby e massoneria. Interverranno:

  • Antonio Cozzolino, Sindaco M5S Civitavecchia

  • Giuseppe Vece, Assessore ai trasporti di Livorno

  • Arianna Xekalos, Consigliera Comunale M5S Firenze

  • Daniele Pesco, Deputato M5S Camera

  • Gabriele Bianchi, Consigliere Regionale M5S

  • Sara Paglini, Senatrice M5S

  • Andrea Vivi, Comitato “Vittime Banca Etruria” Gruppo di Empoli

I moderatori dei vari dibattiti saranno Maurizio Gori e Adriana Rossi del Meetup di Vicchio Dicomano e San Godenzo.

All’interno della festa sarà presente un’area ristoro, con menù tipici mugellani, menù vegetariani (con alcuni piatti vegani) e pizza. Tutti i piatti dell’area ristoro saranno preparati con prodotti a km zero. Per il venerdì è prevista cena a buffet. Per il sabato sarà offerto il servizio ai tavoli e gli antipasti saranno a buffet. La cena della domenica comprenderà pizza, e piatti di vario genere con servizio ai tavoli o cena a buffet secondo le disponibilità della giornata. Per il menù senza glutine basterà chiedere alla cuoca.

Durante i dibattiti ci saranno stand espositivi e sarà possibile firmare per i referendum contro la riforma Costituzionale, sull’Italicum (2 quesiti) e per i referendum Sociali (7 quesiti). Vogliamo confermare il nostro umile supporto all’attività dei comitati referendari come già fatto fino ad oggi, offrendo degli spazi a chiunque persegua gli obiettivi che condividiamo.

Vi aspettiamo numerosi!

1°-festa-movimento-5-stelle-dicomano-2015
13453430_1794615000758110_573613219_o
UP: volantino definitivo

fonte: Radio Mugelloil filo del MugelloOkMugello

Immigrazione: la soluzione?

immigrazionePer farla breve, basterebbe non avere la mafia nelle istituzioni (vedi Mafia Capitale), o avere un governo serio.

Ma per non farla breve, ci sono varie considerazioni da fare.

Premetto che che il tema è assai complesso perché investe la politica estera internazionale ed europea, la politica interna, il sistema culturale e sociale di un paese.

Esiste un limite per legge di rifugiati (cioè le persone che hanno ottenuto asilo) che possono essere ospitati per comune, e la distribuzione di queste persone è gestita dal Ministero dell’Interno. Siccome abbiamo Alfano come ministro dell’Interno, la distribuzione dei rifugiati è inefficiente, ma in media nei comuni si è quasi raggiunto il limite legale. Questo sistema delle “quote” all’interno dell’Italia è stata attuata anche da Maroni quando era ministro.

Serve ridurre i tempi di riconoscimento dell’asilo politico, in modo che sipossa accogliere il rifugiato o espellere l’immigrato irregolare. Invece dei 2 mesi che normalmente servono per sbrigare le pratiche, le commissioni preposte impiegano anni, giusto giusto per fare in modo che qualcuno guadagni sull’accoglienza nel frattempo. Con maggiori risorse, le commissioni che fanno questo lavoro opererebbero più in fretta e probabilmente ci sarebbero meno immigrati.

Questi dettagli interni al nostro paese (che dovevano essere risolti qualche anno fa), ovviamente non basteranno per l’alto numero previsto di arrivi (non ci fidiamo molto dei numeri diffusi dai giornali). Per questo è necessario un aiuto da parte dell’europa per il discorso delle quote di rifugiati con conseguente superamento del regolamento di Dublino III. Il governo italiano è impegnato da una mozione del M5S votata dal parlamento che contiene anche questo punto. Ma siccome il nostro governo non è serio (in europa ci ride dietro pure il bidello) non siamo riusciti ad ottenere quel risultato.

Poi servirebbe una misura per aiutare gli italiani più in difficoltà, giusto giusto per evitare le tensioni sociali con i richiedenti asilo. Può essere il reddito di cittadinanza o semplicemente un intervento più ridotto per assicurare beni o servizi agli italiani che ne hanno più bisogno. Ma queste proposte (oltre ad altre che non ho menzionato) non verranno mai approvate, sapete perché?
Perché sull’immigrazione LA SINISTRA LUCRA, LA DESTRA SPECULA.

Tommaso Romagnoli

PS: So bene che l’Europa ha accettato la redistribuzione di 40’000 persone arrivate sulle coste nostre e greche, ma è una misura insufficiente a risolvere il problema (perfino il premier italiano lo ha ammesso) inutile festeggiare per un contentino una tantum.