Pendolari: le scelte politiche che subiamo oggi

scontro treni puglia 2016
Le scelte sono state fatte, chiare, dopo il 1992.
La Tav ha assorbito il 90 % degli investimenti ferroviari. Che sono stati tolti ai trasporti locali e regionali. Scelte politiche . Scelte industriali e di comodo.
Quando il popolino – che come al solito non conta un cazzo – capisce quale disegno sta dietro a tutto questo e lo dice, non viene creduto.
“Siete contro il progresso , siete preconcetti”, ci veniva continuamente rinfacciato dai politici locali e regionali.
Abbiamo visto dove si va a parare. Anche voi che vi dibattete sui temi della Faentina per i ritardi i disservizi, la mancanza di carrozze ecc. pagate lo scotto di questa politica.

Si sono accontentati i viaggiatori di elite, si sono accontentate le grandi imprese che si sono gonfiate di soldi , si sono accontentati i politici che si sono sistemati nei posti di comando tutto a discapito del trasporto pendolari e merci.
Non esiste un Piano Nazionale dei Trasporti studiato e fatto seriamente .
Che vogliamo , questi sono i risultati.
Non posso che essere profondamente addolorato per queste tragedie, ma spero che stia arrivando sulla scena qualcosa di nuovo. Qualcosa si è mosso, stavolta in senso positivo.

 

Luca Tagliaferri

La festa 5 stelle del Mugello: Programma della seconda edizione

mezzo volantino 13405530_1792393830980227_1604392201_o

Il M5S del Mugello comunica ai cittadini che i giorni 17, 18, 19 Giugno presso l’area feste di Dicomano in via Ciro Fabbroni si svolgerà la Festa 5 stelle del Mugello con qualche mese in anticipo rispetto all’edizione precedente. Invitiamo Cittadini, Simpatizzanti, e Attivisti a partecipare in attesa dei risultati dei ballottaggi. Di seguito elenchiamo il programma dei 3 giorni.

Venerdì 17 Giugno i temi trattati nei dibattiti a partire dalle 21 saranno inerenti alla Centrale a Biomasse di Petrona, all’inceneritore di Case Passerini, e alla mobilità in Valdisieve. Interverranno portavoce dei comitati e del M5S:

  • Simone Peruzzi del ”Comitato Contro la Centrale a Biomasse di Petrona”

  • Giulio Signorini di “Rifiuti Zero Firenze”

  • Roberta Livi di “Vivere in Valdisieve

  • una rappresentante delle “Mamme No Inceneritore”

  • un rappresentante dei pendolari della Valdisieve

  • Chiara Gagnargli, deputato M5S commissione Agricoltura

  • Dott.ssa Quirina Cantini, Portavoce Meetup Bagno a Ripoli 5 Stelle

  • Francesco Mastroberti, Consigliere M5S Calenzano

  • Luca Roggi, Consulente della Commissione Ambiente Camera

Lo spazio della nostra festa è aperto ad eventuali altri comitati ed ad altri interventi.

Il Sabato 18 Giugno i temi trattati nei dibattiti a partire dalle 16,30 saranno inerenti al Reddito di Cittadinanza, Microcredito, Referendum sulla Riforma Costituzionale ed Elettorale, presentazione del Libro “E io Pago: Sprechi e privilegi nel Comune di Roma”. Interverranno:

  • Daniele Frongia, Consigliere M5S Roma ed autore del libro “E io Pago”

  • Laura Bottici, Senatrice M5S e Questore del Senato

  • Alfonso Bonafede, Deputato M5S e Vicepresidente della Commissione Giustizia

  • Emanuele Cozzolino, Deputato M5S Commissione Affari Costituzionali

  • Enrico Cantone, Consigliere Regionale M5S

Come negli altri giorni, lo spazio dei nostri dibattiti è aperto ad eventuali interventi. Comunichiamo che il Prof. Nicola Ferrigni, il cui intervento era previsto nel pomeriggio secondo il volantino, non potrà essere presente, perché impegnato come presidente di seggio a Roma.

Domenica 19 Giugno i temi trattati nei dibattiti a partire dalle 16,30 saranno relativi al governo del territorio, all’attività amministrativa e alle Banche tra lobby e massoneria. Interverranno:

  • Antonio Cozzolino, Sindaco M5S Civitavecchia

  • Giuseppe Vece, Assessore ai trasporti di Livorno

  • Arianna Xekalos, Consigliera Comunale M5S Firenze

  • Daniele Pesco, Deputato M5S Camera

  • Gabriele Bianchi, Consigliere Regionale M5S

  • Sara Paglini, Senatrice M5S

  • Andrea Vivi, Comitato “Vittime Banca Etruria” Gruppo di Empoli

I moderatori dei vari dibattiti saranno Maurizio Gori e Adriana Rossi del Meetup di Vicchio Dicomano e San Godenzo.

All’interno della festa sarà presente un’area ristoro, con menù tipici mugellani, menù vegetariani (con alcuni piatti vegani) e pizza. Tutti i piatti dell’area ristoro saranno preparati con prodotti a km zero. Per il venerdì è prevista cena a buffet. Per il sabato sarà offerto il servizio ai tavoli e gli antipasti saranno a buffet. La cena della domenica comprenderà pizza, e piatti di vario genere con servizio ai tavoli o cena a buffet secondo le disponibilità della giornata. Per il menù senza glutine basterà chiedere alla cuoca.

Durante i dibattiti ci saranno stand espositivi e sarà possibile firmare per i referendum contro la riforma Costituzionale, sull’Italicum (2 quesiti) e per i referendum Sociali (7 quesiti). Vogliamo confermare il nostro umile supporto all’attività dei comitati referendari come già fatto fino ad oggi, offrendo degli spazi a chiunque persegua gli obiettivi che condividiamo.

Vi aspettiamo numerosi!

1°-festa-movimento-5-stelle-dicomano-2015
13453430_1794615000758110_573613219_o
UP: volantino definitivo

fonte: Radio Mugelloil filo del MugelloOkMugello

Democrazia Partecipata e consultazioni online M5S

Immagine

Decidiamo insieme. Questo è il MoVimento 5 Stelle!! Quando parliamo di Democrazia Partecipata intendiamo proprio questo. Coinvolgere quando possibile i cittadini nelle scelte più importanti. La consultazione di oggi è relativa al nuovo simbolo, che comunque dovrà essere riconducibile a quello attuale.

al seguente indirizzo possono votare tutti gli iscritti certificati al portale delle votazioni del M5S: https://sistemaoperativom5s.beppegrillo.it/consultazione.php?id=32

Ma che significa iscritto certificato? Gli iscritti certificati sono gli iscritti al portale del M5S la cui identità è stata verificata. In questo video viene spiegato come iscriversi e certificarsi, dopo aver salvato nel vostro dispositivo un’immagine del vostro documento di identità.
Una volta diventato iscritto certificato è necessario aspettare qualche mese prima di poter partecipare alle consultazioni (esempio di voto ad una consultazione), primarie online (esempio parlamentarie europee 2014) o stesura delle leggi del M5S (spiegazione utilizzo portale M5S). Non a caso ad ogni consultazione online viene specificato quali iscritti possono partecipare (es. gli iscritti certificati prima della data xx/xx/xxxx).

Quando uscirà ufficialmente Rousseau (adesso è in beta testing in Piemonte) le funzionalità degli iscritti saranno estese, probabilmente in futuro potremo fare le votazioni online in Mugello! Tutto questo non eliminerà le riunioni, le attività e il nostro attivismo nel territorio e nelle associazioni.

vi riportiamo il testo del messaggio che Beppe Grillo ha rivolto a tutti gli iscritti:
“Il 29 gennaio 2005 nasceva il blog e il 4 ottobre 2009 a Milano fu fondato il Movimento 5 Stelle il cui simbolo riprendeva l’http: www.beppegrillo.it.
E’ stato il primo movimento politico nato da un blog. Io ci ho messo la faccia, il nome e anche il cuore, ma oggi che il MoVimento 5 Stelle è diventato adulto e si appresta a governare l’Italia credo che sia corretto non associarlo più a un nome, ma a tutte le persone che ne fanno parte.
Per questo voglio cambiare il simbolo eliminando il mio nome.
La consultazione di oggi è relativa al nuovo simbolo, che comunque dovrà essere riconducibile a quello attuale.
La scelta è tra nessun indirizzo http al posto del mio nome o un nuovo http: movimento5stelle.it.”

Meetup Mugello 5 Stelle, Meetup Scarperia San Piero 5 Stelle, Meetup Dicomano Vicchio San Godenzo 5 Stelle , Meetup Barberino 5 Stelle

Sanità Pubblica Toscana: Ci sono Rossi e Rossi

rossi rossi

Mentre l’Italia si incarta a discutere sulle penalizzazioni di Rossi (Valentino), c’è chi lavora duro.
La legge di stabilità 2016 prevede, per la Sanità pubblica, un taglio (rispetto al programmato) di circa 3 miliardi. Pensate che, per il 2016, le spese previste per nuovi vaccini, nuovi farmaci e per l’erogazione di prestazioni comprese nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) costerà, più o meno, 3 miliardi in più. In pratica, il SSN sarà definanziato in modo feroce: circa 6 miliardi.
Qui in Toscana, un altro Rossi è da un po’ che pensa che “…vanno create assicurazioni mutualistiche per diagnostica e specialistica…” (La Repubblica, 24/11/12). E l’attuale assessore regionale alla Sanità conferma (senza la minima vergogna) “Già oggi tanti si rivolgono a Misericordie e Pubbliche Assistenze per visite e esami (a pagamento ndr) visto che il pubblico espelle dal suo circuito un numero enorme di persone non garantendo la tempestività delle prestazioni”, (La Repubblica, 3/10/2015).
In pratica, si sta concretizzando un disegno di demolizione lenta della Sanità pubblica basato sulla spirale definanziamento-disfunzione-creazione di alternative private.

“Quelli che si oppongono al welfare state non sprecano mai una buona crisi” (N. Klein)

P.S.: tra l’altro, nella stessa legge di stabilità, sono previsti incentivi per le aziende che volessero organizzare servizi di Welfare per i loro dipendenti, sotto forma di premi di prouttività (cioé: tu lavori di più, io ti do un’assicurazione integrativa).

Claudio Marabotti

11219359_956176924439329_7137441636149992764_n

Nel Frattempo il CREST (Comitato Regionale per l’Emergenza Sanità Toscana) ha concluso la raccolta firme per il referendum per l’abrogazione della Legge Regionale Toscana 28/2015 (Disposizioni urgenti per il riordino dell’assetto istituzionale e organizzativo del servizio sanitario regionale). Mercoledì 4 Novembre alle ore 11 alcuni delegati del CREST porteranno presso il palazzo del Consiglio Regionale le 50’000 firme di cittadini Toscani raccolte in questi mesi.

Il Movimento 5 Stelle del Mugello insieme ad altre forze politiche presenti nel territorio ha appoggiato questo comitato, contribuendo a raccogliere una parte delle firme che hanno portato a questo risultato: 50’000 cittadini Toscani vogliono esercitare il diritto al REFERENDUM per dire basta a questa politica sanitaria!

Attenti ai giochini Rossi&Co…noi siamo Toscani…in tutto!

M5S del Mugello

Uno Sguardo Globale al TTIP: una breve sintesi

ttip_vignetta

(TTIP = Transatlantic Trade and Investment Partnership = Trattato Transatlantico per gli Scambi commerciali ed investimenti)

Il TTIP può essere definito un trattato transatlantico stipulato tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America; in prima istanza è subito da premettere che, tali accordi vanno al di là delle singole normative vigenti nelle varie nazioni; ecco, se vogliamo sottolineare, è una delle caratteristiche negative del trattato, in quanto il singolo Stato non potrà opporsi alle norme in esso contenute se non pagando penali altissime.

Altro tratto fondamentale dell’accordo si sostanzia nel fatto che lo stesso va ad istituzionalizzare delle Corti Giudiziarie il cui verdetto sarà sovrano rispetto al giudizio dei singoli Stati; pertanto potremmo vedere dibattere controversie tra le varie multinazionali e gli Stati, le Corti saranno chiamate a prendere decisioni che potranno essere diverse da quelle a cui sarebbero giunti i singoli Stati; conseguentemente vi saranno dei cambiamenti profondi ed importati a livello della legislazione.

monopoly ttip

Un esempio tra tutti riguarderà i prodotti alimentari: se attualmente l’Unione Europea prevede che un prodotto sia realizzato seguendo determinate regole che vietano la presenza di residui chimici o “OGM”, con la firma del TTIP, allo scopo di agevolare lo scambio di beni con gli Stati Uniti, dovremmo seguire le regole imposte dall’accordo siglato.

Altra questione rilevante riguardante il trattato è riassumibile dicendo che il medesimo andrà ad influenzare le denominazioni “DOP” (Denominazione Origine Protetta) ed “IGP” (Indicazione Geografica Protetta); la prima sta a significare che la realizzazione di un prodotto deve avere inizio e termine nella medesima area geografica, il percorso deve essere interamente tracciato; mentre con l’altra si intende che debba essere indicato il luogo di provenienza del prodotto, ma non necessariamente tutta la filiera deve esplicarsi nella medesima area geografica, anche in tal caso comunque il percorso di realizzazione del prodotto deve essere indicato. Se il TTIP verrà siglato tutto ciò andrà ad annullarsi ecco che le indicazioni obbligatorie non ci saranno più; potremo trovare sui nostri banchi alimentari prodotti apparentemente uguali, ma che in realtà hanno seguito i procedimenti di realizzazione completamente differenti, i consumatori però non potranno saperlo, questo naturalmente andrà ad incidere sul prezzo e non è difficile intuire quale bene sarà avvantaggiato, guardando soprattutto alla crisi economica che il nostro paese sta attraversando.

TTIP EN_jamie_oliver1

In tema all’accordo vi è poi un’altra preoccupazione. Viene sostenuto, infatti, che lo stesso trattato violi il cosidetto “principio di trasparenza”: sin ora si è parlato di un singolo trattato come se fosse composto di un unico documento a disposizione di tutti, in realtà è formato da una varietà di documenti non omogenei tra loro, conosciuti da una cerchia ristretta di soggetti, addirittura il Parlamento Europeo solo recentemente ne ha preso visione.

Rossella Rosi

L’opinione pubblica sull’immigrazione

SONDAGGIO immigrazione

È da premettere che intervengo sull’argomento come membro dell’associazione che rappresenta l’insieme degli istituti nazionali Italiani che effettuano la raccolta dei dati demoscopici; ecco che i dati da me proposti sono da loro raccolti per tanto non si commetta l’errore di credere che questi, siano raccolti dal singolo istituto su commissione dell’uno e dell’altro partito.

Dall’analisi condotta emergono principalmente due risultati: il primo si sostanzia nel fatto che attualmente nel 2015 si è arrivati ha parlare di una nuova contrapposizione sociale quella fra persone che vivono nel sistema normativo ed individui che al contrario vivono nell’illegalità, quindi nel non rispetto delle regole.

I flussi di immigrati che arrivano nel nostro paese clandestinamente vengono visti come coloro che alimentano un sistema basato sull’illegalità.

In particolare l’opinione pubblica si interroga sul perché nel nostro paese si assista al crearsi due stati di diritto paradossalmente contrapposti: uno nel quale al cittadino per poter istaurare rapporti e compiere azioni vengono richiesti documenti, vedi carta di identità o patente di guida. Nell’altro all’opposto tutto ciò viene allentato e non si interviene affinché si introduca queste persone verso il sistema normativo piuttosto che lasciarle alla clandestinità. Questo è uno dei due risultati evinti dai dati raccolti.

Il secondo risultato si è elaborato mediante la proposta di un sondaggio; è da premettere che il medesimo è stato effettuato in una serie di città del nord che sia socialmente sia economicamente hanno un proprio peso e l’immigrazione è superiore al 10%; non necessariamente le città coinvolte sono amministrate da un governo leghista. Il sondaggio rivela due questioni: la prima può essere riassunta dicendo che il controllo del flusso migratorio è il problema maggiormente sentito tanto da superare quello relativo all’economia ed il lavoro. La seconda questione si concretizza evocando che il fenomeno dell’immigrazione è percepito dagli intervistati come un problema: sono state poste loro quattro scelte

Gli immigrati sono – un problema – un opportunità – sia un problema che un opportunità – ne un problema ne un opportunità; la maggioranza relativa ha risposto un “problema”.

Visti i dati elaborati abbiamo due pilastri da qui partire in primo luogo lo stato di diritto nel nostro paese attualmente è assente o meglio esiste solo formalmente, in secondo luogo rischiamo di avere una forte perdita di identità nonché culturale causata dal flusso immigratorio che si traduce anche in un invasione demografica la quale non viene gestita secondo le regole di uno stato di diritto.

Posso concludere dicendo che mi aspetto un cambiamento radicale relativo all’atteggiamento elettorale, ritengo di poter affermare che sul tema immigrazione andranno a basarsi i futuri equilibri politici continentali, potremmo assistere al crearsi di movimenti che attualmente vengono definiti populisti che legittimamente potranno andare al potere.

Alessandro Amadori

Fonte: Omnibus La7 del 28-08-2015

La nostra festa a 5 stelle

banner festa 5 stelle
Il Movimento 5 stelle Mugello informa che presso il Palazzetto di Dicomano ( via Ciro Fabbroni ) l’ 11-12-13 settembre si terrà una festa 5Stelle aperta a tutta la cittadinanza. Ci saranno stand informativi a cui parteciperanno vari  Comitati di Categoria, dibattiti con i nostri portavoce in Parlamento, nelle Regioni e nei Comuni. Ristorante e musica per tutti ! Qui di seguito il programma dettagliato:
11 SETTEMBRE
dalle 17.30 – Argomenti trattati
– inceneritore di Selvapiana
– inceneritore di Case Passerini
– centrale a Biomasse di Petrona
– cava di Paterno
Intervengono portavoce M5S:
Cons. Regionale Giacomo Giannarelli
Cons. Regionale Andrea Quartini
Rappresentanti Comitati di Categoria:
Com.to No alla Centrale di Petrona Alessandro Marucelli
Gianni Frilli
Mamme No inceneritore
Rete Valdisieve Fernando Romussi
Com.to Ambientale Vaglia David Kessler
Com.to Carza Viva Franco Innocenti
Aggiornamenti sulla strategia DDL scuola
Intervengono Portavoce M5S:
Deputato Luigi Gallo
Senatrice Enza Blundo
Cons. Regionale Irene Galletti
12 SETTEMBRE
ore 17.30- Argomenti trattati:
– Presentazione del libro ” Imprenditori Suicidi”
di Samanta Di Persio
Temi correlati:
– microcredito
– reddito di cittadinanza
– TTIP e le sue ricadute sull’economia locale
  e sulla qualità dell’alimentazione
Intervengono portavoce M5S:
Senatrice Sara Paglini
Deputato Chiara Gagnarli
Senatrice Nunzia Catalfo
Cons. Regionale Gabriele Bianchi
Cons. Quirina Cantini
Consulenti del Lavoro:
Rag. Silvia Baldini
Rag. Commercialista Valerio Bencini
13 SETTEMBRE
dalle ore 17.30- Argomenti trattati:
– Presentazione del libro ” Setta di Stato “
di Francesco Pini e Duccio Tronci sul caso Forteto
– Commissione Regionale sul Forteto
Intervengono portavoce M5S:
Deputato Alfonso Bonafede
Deputato Emanuele Cozzolino
Senatrice Laura Bottici
Cons. Regionale Andrea Quartini
Marika Corso
A seguire:
– presentazione del libro di Paolo Buonarroti ” Identikit cancro “
” Tutte le possibile cause e le azioni strategiche  per prevenirlo e combatterlo”
– Stand  FIBROMIALGIA
 Cons. Quirina Cantini
– Stand COMITATO CONTRO LA CENTRALE A BIOMASSE DI PETRONA
– Stand M5S
 Moderatori delle serate Maurizio Gori e Adriana Rossi
  INOLTRE:
 CENA A BUFFET del Venerdì seguita dalla serata di musica con il Dj Sandro Vibot
 RISTORANTE- PIZZERIA del Sabato e Domenica con menù tradizionale e vegetariano seguita dalla serata di musica con il Dj Paolo Buonarroti.
altre fonti: