La nostra festa a 5 stelle

banner festa 5 stelle
Il Movimento 5 stelle Mugello informa che presso il Palazzetto di Dicomano ( via Ciro Fabbroni ) l’ 11-12-13 settembre si terrà una festa 5Stelle aperta a tutta la cittadinanza. Ci saranno stand informativi a cui parteciperanno vari  Comitati di Categoria, dibattiti con i nostri portavoce in Parlamento, nelle Regioni e nei Comuni. Ristorante e musica per tutti ! Qui di seguito il programma dettagliato:
11 SETTEMBRE
dalle 17.30 – Argomenti trattati
– inceneritore di Selvapiana
– inceneritore di Case Passerini
– centrale a Biomasse di Petrona
– cava di Paterno
Intervengono portavoce M5S:
Cons. Regionale Giacomo Giannarelli
Cons. Regionale Andrea Quartini
Rappresentanti Comitati di Categoria:
Com.to No alla Centrale di Petrona Alessandro Marucelli
Gianni Frilli
Mamme No inceneritore
Rete Valdisieve Fernando Romussi
Com.to Ambientale Vaglia David Kessler
Com.to Carza Viva Franco Innocenti
Aggiornamenti sulla strategia DDL scuola
Intervengono Portavoce M5S:
Deputato Luigi Gallo
Senatrice Enza Blundo
Cons. Regionale Irene Galletti
12 SETTEMBRE
ore 17.30- Argomenti trattati:
– Presentazione del libro ” Imprenditori Suicidi”
di Samanta Di Persio
Temi correlati:
– microcredito
– reddito di cittadinanza
– TTIP e le sue ricadute sull’economia locale
  e sulla qualità dell’alimentazione
Intervengono portavoce M5S:
Senatrice Sara Paglini
Deputato Chiara Gagnarli
Senatrice Nunzia Catalfo
Cons. Regionale Gabriele Bianchi
Cons. Quirina Cantini
Consulenti del Lavoro:
Rag. Silvia Baldini
Rag. Commercialista Valerio Bencini
13 SETTEMBRE
dalle ore 17.30- Argomenti trattati:
– Presentazione del libro ” Setta di Stato “
di Francesco Pini e Duccio Tronci sul caso Forteto
– Commissione Regionale sul Forteto
Intervengono portavoce M5S:
Deputato Alfonso Bonafede
Deputato Emanuele Cozzolino
Senatrice Laura Bottici
Cons. Regionale Andrea Quartini
Marika Corso
A seguire:
– presentazione del libro di Paolo Buonarroti ” Identikit cancro “
” Tutte le possibile cause e le azioni strategiche  per prevenirlo e combatterlo”
– Stand  FIBROMIALGIA
 Cons. Quirina Cantini
– Stand COMITATO CONTRO LA CENTRALE A BIOMASSE DI PETRONA
– Stand M5S
 Moderatori delle serate Maurizio Gori e Adriana Rossi
  INOLTRE:
 CENA A BUFFET del Venerdì seguita dalla serata di musica con il Dj Sandro Vibot
 RISTORANTE- PIZZERIA del Sabato e Domenica con menù tradizionale e vegetariano seguita dalla serata di musica con il Dj Paolo Buonarroti.
altre fonti:
Annunci

Il parassita del castagno di Maurizio Gori

image_1654Uno dei temi a mio avviso più trascurati in questa campagna elettorale, nonostante l’impatto negativo sull’economia di intere zone della Toscana, è quello delle aree castanicole, infestate da qualche anno dal terribile cinipide del castagno, detto vespa cinese (drycosmus kuriphilus yasumatsu).

Il parassita ha fatto la sua comparsa in Italia nel 2002, in provincia di Cuneo, dove per la prima volta si è intrapresa la lotta biologica con l’antagonista specifico del cinipide, il torymus sinensis kamijo, sotto la supervisione del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’università di Torino, mediante un progetto finanziato dalla regione Piemonte.

In Toscana il parassita è stato segnalato la prima volta nel 2008, nella provincia di Massa Carrara, e nel 2010 sono iniziate le prime esperienze di contrasto mediante “lanci” di torymus sinensis che aggredisce le larve del parassita, facendole morire.

Tali “lanci”, effettuati nella misura di 477 su 76 siti, sono stati distribuiti su tutto il territorio regionale e hanno avuto un esito soddisfacente, tanto da prevedere che nel 2017 si completerà la diffusione dell’insetto antagonista in Toscana.

L’efficacia della lotta biologica richiede però tempi medio-lunghi, circa 4-5 anni, per potersi realizzare; nel frattempo la gestione dei castagneti deve essere fatta con oculatezza (concimazione, potatura, innesti) per evitare il deperimento delle piante e il crollo delle produzioni di marroni, con le conseguenti perdite economiche.

Costituisce un obbligo di legge la segnalazione al Servizio Fitosanitario Regionale delle piante attaccate dal cinipide (art. 8 Decreto legislativo 214/2005). L’entità dei danni nei cedui e castagneti da frutto abbandonati è stata maggiore rispetto agli impianti da frutto coltivati e, tuttavia, gravi danni economici si sono registrati a Firenzuola, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Vicchio (Villore), Borgo San Lorenzo (Ariano, Polcanto, Ronta), per non parlare della zona di Massa Carrara e del Monte Amiata.

A queste località bisogna aggiungere San Godenzo che, a causa della scarsità dei “lanci” effettuati sul suo territorio, rischia di vedere sottovalutata l’entità del danno prodotto dal parassita ai suoi castagneti.

Occorre, pertanto, incrementare i “lanci” dove occorre (San Godenzo) e monitorare con continuità ed efficienza gli esiti di questa strategia di contrasto, in modo da garantire una fonte di reddito alle popolazioni residenti in territori svantaggiati.

E’ noto che in passato, i nostri nonni e, in qualche caso, anche i genitori, si sono letteralmente sfamati con i marroni e il loro derivato, la farina dolce. Si tratta certamente di una tematica connessa all’economia locale, ma anche di una tradizione che affonda le radici in una cultura popolare che va tutelata e salvaguardata.

E’ doveroso supportare queste microeconomie e fare in modo che le famiglie di questi paesi, spesso monoreddito, possano fare affidamento su questa ulteriore fonte di guadagno, l’attività di queste persone è importante anche per la salvaguardia del territorio montano dal degrado e per scongiurare l’abbandono di queste zone, vanto della nostra realtà.

“il Cinipide”

http://www.torymus.com/cinipide-del-castagno/

“l’antagonista”

http://www.torymus.com/torymus-sinensis/

Maurizio Gori

Giacomo Giannarelli visita il Mugello: “Ospedale e Petrona ….

COMUNICATO STAMPA
 

Giacomo Giannarelli, visita il Mugello : “Ospedale nuovo senza project financing”. Su Petrona: “NO impianto Biomasse senza consenso della gente, introdurre valutazione di impatto sanitario”

—————–

Borgo San Lorenzo 24 maggio, Il candidato Presidente alla Regione per il M5S visita Scarperia, Borgo San Lorenzo dove tiene un comizio e per ultimo il sito di Petrona, dodicesima tappa del #FuturoMigliore Tour.

La visita all’ospedale l’ha visto accompagnato dal parlamentare Cozzolino, dai candidati di circoscrizione Gori, Chiarini, Bardini e Pica e dai consiglieri di Scarperia e Dicomano Rossi, Barlazzi e Nuzzo.

Giannarelli commenta così: “Borgo San Lorenzo è l’attuale ospedale che serve 78mila persone è a rischio chiusura e richiederebbe interventi di messa in sicurezza rispetto al rischio sismico”. “Serve un nuovo ospedale senza project financing, per non ripetere quanto successo a Prato, Lucca, Pistoia e Massa-Carrara” .

In piazza Garibaldi ha tenuto un acceso comizio di un’ora circa , sottolineando le idee del movimento 5 Stelle: Sanità pubblica, Acqua pubblica, Rifiuti zero, Reddito di cittadinanza e Turismo sostenibile che è una delle vocazioni del Mugello e va sviluppata adeguatamente per aiutare il lavoro sul territorio. Ha inoltre ribadito l’importanza di andare al voto.

La giornata si è conclusa col sopralluogo all’esterno dell’impianto di Petrona dove ha girato un video con in mano il cartello #almugellononsibrucia.

Giannarelli dichiara: “non si decide niente senza consultare la gente”.

“Nel Mugello hanno raccolto più di 7000 firme, non vogliono l’impianto a biomasse perchè non è stato fatto un adeguato confronto con la cittadinanza e questa è l’ennesima decisione calata dall’alto”. “La regione con impianti di 0,999 Kw permette di non fare un adeguato impatto ambientale, noi vogliamo introdurre la valutazione di impatto sanitario”.

“Non è chiara la filiera ne il piano di approvvigionamento, tutto questo è in netto contrasto con la visione del Movimento 5 Stelle che è contro l’incenerimento dei rifiuti e contro l’incenerimento per produrre energie rinnovabili”. “Anche noi diciamo: al Mugello non si brucia”.

“Vogliamo una produzione di energie da fonti rinnovabili, in modo distribuito, piccoli impianti per tutto il territorio, anche questa potenza puo’ essere coperta, dai tetti dei capannoni e delle case semplicemente col fotovoltaico”. “Tutte le persone incontrate si lamentano che la politica è staccata dalla vita reale, porteremo le istanze in Regione e in Europa”.

vedi video su https://www.facebook.com/MaurizioGoriCandidato.M5S.FI2?fref=ts

visita all’ospedale
Immagine in linea 2

comizio in piazza Garibaldi

​a Petrona
Immagine in linea 1
 11265418_1659113697641575_5011451580198002586_n
 

Ufficio stampa Circoscrizione Firenze 2

Il Movimento 5 Stelle attivo sulle più scottanti questioni ambientali del Mugello

Continua l’impegno del Movimento 5 Stelle e dei suoi parlamentari sui temi ambientali più scottanti del Mugello.

Nei giorni scorsi il Movimento ha partecipato alla raccolta di firme organizzata dal Comitato Coordinatore che si batte per il risanamento dell’area di Paterno sulla base di una lettera appello, a firma Prof. Armando Mannino, che accompagna una petizione per “la cancellazione dal Piano Interprovinciale dei rifiuti di Firenze Prato Pistoia di ogni riferimento alla realizzazione nell’ex Cava di Paterno di una discarica contente amianto” e che, nel frattempo, venga bonificata quest’area “già abusivamente adibita a discarica di materiali contenenti metalli pesanti pericolosi e idrocarburi”. Secondo il Comitato Coordinatore “questi metalli pericolosi, per i quali sussiste il divieto di immissione nelle acque superficiali e sotterranee, si trovano a confine con il torrente Carzola, affluente della Carza e quindi della Sieve”. Visto inoltre che la roccia su sui insiste il sito è altamente permeabile, “il rischio -affermano- di inquinare le acque sotterranee è elevatissimo”. La richiesta è quella di trasmettere la petizione via web, anche per posta elettronica, farla scaricare al maggior numero di persone, di firmarla e di farla firmare. A questa petizione ha aderito anche Legambiente Toscana.

Il 14 novembre visita in Mugello del parlamentare 5 Stelle Samuele Segoni, geologo professionista, membro della Commissione Ambiente della Camera. Numerosi i dossier ambientali sul tavolo. Una giornata densa di incontri, sopralluoghi ed approfondimenti: ecco il programma.

  1. 8:00 Inceneritore Selvapiana: Incontro con rappresentati dei Comitati della Valdisieve, Sindaci di Rufina – Dicomano – Pontassieve – Londa (Referenti M5S – Consiglieri Mirko Margheri , Simone Gori)
  2. 9:00 Tombamenti dei torrenti Comune di Rufina: Veritica costruzioni in area a richio idraulico P.I.4 (Referente M5S- Consigliere Mirko Margheri)
  3. 10:00 Lago di Londa: Problematica smaltimento terre e rocce da scavo.Incontro con il Sindaco Comune di Londa (Referente M5S – Consigliere Tommaso Cuoretti)
  4. 11:30 Fitodepuratore Dicomano e Pista Ciclabile: La problematica degli scarichi di acque reflue nei fiumi. (Referente M5S – Consigliere Aldo Nuzzo)
  5. 16:00 Cava di Paterno – La Terra dei Fuochi Toscana Incontro con Comitato (Referente M5S – Consigliere Viviana Rossi)
  6. 18:00 Torrente Carza  impattato da  Alta VelocitàIncontro con Comitato Carza Viva (Referente M5S – Consigliere Viviana Rossi)