L’opinione pubblica sull’immigrazione

SONDAGGIO immigrazione

È da premettere che intervengo sull’argomento come membro dell’associazione che rappresenta l’insieme degli istituti nazionali Italiani che effettuano la raccolta dei dati demoscopici; ecco che i dati da me proposti sono da loro raccolti per tanto non si commetta l’errore di credere che questi, siano raccolti dal singolo istituto su commissione dell’uno e dell’altro partito.

Dall’analisi condotta emergono principalmente due risultati: il primo si sostanzia nel fatto che attualmente nel 2015 si è arrivati ha parlare di una nuova contrapposizione sociale quella fra persone che vivono nel sistema normativo ed individui che al contrario vivono nell’illegalità, quindi nel non rispetto delle regole.

I flussi di immigrati che arrivano nel nostro paese clandestinamente vengono visti come coloro che alimentano un sistema basato sull’illegalità.

In particolare l’opinione pubblica si interroga sul perché nel nostro paese si assista al crearsi due stati di diritto paradossalmente contrapposti: uno nel quale al cittadino per poter istaurare rapporti e compiere azioni vengono richiesti documenti, vedi carta di identità o patente di guida. Nell’altro all’opposto tutto ciò viene allentato e non si interviene affinché si introduca queste persone verso il sistema normativo piuttosto che lasciarle alla clandestinità. Questo è uno dei due risultati evinti dai dati raccolti.

Il secondo risultato si è elaborato mediante la proposta di un sondaggio; è da premettere che il medesimo è stato effettuato in una serie di città del nord che sia socialmente sia economicamente hanno un proprio peso e l’immigrazione è superiore al 10%; non necessariamente le città coinvolte sono amministrate da un governo leghista. Il sondaggio rivela due questioni: la prima può essere riassunta dicendo che il controllo del flusso migratorio è il problema maggiormente sentito tanto da superare quello relativo all’economia ed il lavoro. La seconda questione si concretizza evocando che il fenomeno dell’immigrazione è percepito dagli intervistati come un problema: sono state poste loro quattro scelte

Gli immigrati sono – un problema – un opportunità – sia un problema che un opportunità – ne un problema ne un opportunità; la maggioranza relativa ha risposto un “problema”.

Visti i dati elaborati abbiamo due pilastri da qui partire in primo luogo lo stato di diritto nel nostro paese attualmente è assente o meglio esiste solo formalmente, in secondo luogo rischiamo di avere una forte perdita di identità nonché culturale causata dal flusso immigratorio che si traduce anche in un invasione demografica la quale non viene gestita secondo le regole di uno stato di diritto.

Posso concludere dicendo che mi aspetto un cambiamento radicale relativo all’atteggiamento elettorale, ritengo di poter affermare che sul tema immigrazione andranno a basarsi i futuri equilibri politici continentali, potremmo assistere al crearsi di movimenti che attualmente vengono definiti populisti che legittimamente potranno andare al potere.

Alessandro Amadori

Fonte: Omnibus La7 del 28-08-2015

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...