Feste, Giovani e Decibel a Borgo San Lorenzo

Ormai è così, ogni volta che c’è qualcosa di nuovo che ravviva la situazione eventi per i giovani borghigiani (o più in generale per i cittadini) c’è sempre qualcuno che si lamenta e tenta di far saltare tutto. È successo in passato con il Teenclub, con la festa di capodanno che prima era in centro, è successo l’anno scorso quando la Pro Loco stava montando la televisione in piazza Garibaldi per i mondiali di calcio, ed è successo anche quest’anno con il tanto discusso Suntasy Park.

La ragione ufficiale sarebbe il superamento del limite di 55 decibel previsti per legge, meno altri 10 per la vicinanza alla casa di riposo. I 55 decibel non sono una penalizzazione decisa dal comune ma i limiti stabiliti dalla legge per le zone residenziali e quello che conta e il differenziale tra la normale rumorosità di una zona e l’evento “rumoroso” per cui anche 55 decibel possono essere troppi se “normalmente ” in una zona non si superano i 50. Esiste la possibilità di definire le zone dove si possono fare spettacoli e superare i limiti ed è quello che ha fatto con discussione consiliare anche il comune di Borgo (dove qualcuno considerava il piano di zonizzazione acustica di Borgo poco attento alla tutela della salute dei cittadini). Comunque questa deroga vale solo fino alle 24, infatti Foro Boario e altre zone cessano l’attività a mezzanotte, mentre altri locali iniziano alle 23 e vanno avanti fino a notte inoltrata.

Per alcuni eventi in centro è il sindaco che può prendersi la responsabilità di concedere delle proroghe, come avviene per l’ultimo dell’anno, ma anche queste hanno un valore relativo a fronte di una denuncia alla magistratura. Comunque prima di fare un’attività continuativa di spettacoli è obbligatorio che l’esercente presenti un piano acustico in cui dichiari quello che fa e gli accorgimenti per non sforare i limiti di legge e il comune dovrebbe obbligatoriamente chiederlo se il locale è inserito in un’area residenziale. Nelle prossime settimane approfondiremo questo aspetto.

Tra le foto di questo articolo potete notare una tabella dei decibel presa da questo sito che spiega che la musica di uno stereo o di un auto superano ampiamente questo limite (Potete verificare ulteriori esempi e spiegazioni  qui). Quando si tratta di rispettare la legge noi siamo sempre i primi a dire che dovrebbe valere per tutti, ma qui c’è qualcosa che non torna. Alcuni cittadini lamentano che nel comune di Borgo certi eventi hanno un bonus diplomazia per i decibel secondo il gradimento che hanno tra cittadini del vicinato o tra la concorrenza:SoundScale

  • Facciamo il liscio al foro Boario? i decibel sono ok
  • Facciamo la festa del PD? i decibel sono ok
  • Facciamo un evento al Romanelli? i decibel sono un problema
  • Facciamo un evento alle Piscine del Mugello? i decibel sono un problema, ma non per la casa di riposo.

Di esempi ce ne possono essere tanti, e noi vogliamo che questi eventi continuino ad animare le nostre serate estive, anche e soprattutto per i giovani. Giovani che a Borgo San Lorenzo non hanno molti posti dove andare a divertirsi la sera a parte pochi punti di ritrovo.

Per raccontare la ricostruzione dei fatti del Suntasy Park riportiamo ciò che è stato scritto da parte dei diretti interessati che hanno avuto maggior riscontro sui social network.

Riflessione sull’annullamento degli eventi al Suntasy Park (Centro piscine mugello),Fabrizio Claudio Lorenzo ho bisogno di capire:

Dovremmo renderci anche conto che ci pigliano di per il culo, fissare l’impatto acustico, nel parco delle piscine, a 45 db è una cosa da mongoli (abitanti della Mongolia, posto molto silenzioso). Siamo a Borgo san Lorenzo, dove i 70 db li raggiungi in macchina con lo stereo ad un volume moderato. Tutto questo perché Borgo San Lorenzo ha un limite fissato db a 55 (a cui poi vengono tolti 10db perché nelle vicinanze c’è una casa di riposo). Presto dovremo parlare con il sindaco (Claudio Boni mi aiuti?) perché si dà il caso che ” i mercoledì del Borgo”, manifestazione in centro storico, avvenuta ieri sera registrava una soglia di 98db registrata dal sottoscritto….dobbiamo riflettere su molto altro perché, con il dovuto rispetto, la cultura lì non c’era, due donzelle a fare kara(oche) per una nota concessionaria mugellana non possono definirsi tale. in somma alle piscine 45db in un parco bellissimo con concerti dal vivo e intrattenimento per tutte le età NO, il karaoke a 98db in piazza SI! Io voglio capire! In ultima. se non riuscite a dormire la sera è perché vi girano i coglioni, è anche comprensibile…per la musica bastano un paio di tappi. A presto!

Lorenzo Consigli, Music Village

Ho la vostra attenzione adesso?

Credo che dopo il polverone smosso un minimo di ricapitolazione e di ricostruzione dei fatti sia d’obbligo.

E per chi non sa di cosa sto per parlare mi sto riferendo alla bomba esplosa in questi giorni dopo la cancellazione della scaletta di eventi serali di Luglio al Suntasy Park comprendente diverse serate danzanti, alcuni concerti e sessioni live. Tutti vogliono chiarezza e tanti, molti, moltissimi rivogliono indietro questi eventi.

Procediamo per ordine: da quando abbiamo preso in mano la gestione della ristorazione e dell’eventistica del Centro Piscine Mugello ed inaugurato il progetto Suntasy Park abbiamo privilegiato fin da subito l’organizzazione di una serie di serate per l’intrattenimento dei mugellani e questo non dev’essere stato di gradimento fondamentalmente a due categorie di soggetti.

La prima include la concorrenza.
Alla concorrenza non piace che Suntasy abbia spiccato il volo.
Alla concorrenza non piace “nuotare con gli squali”, preferisce essere indisturbata la reginetta dello stagno.
E questo mi é stato confermato dai controlli SIAE arrivati per direttissima da Firenze, “i piú stronzi” confermatomi dagli addetti ai lavori di zona, ed al 100% mandati dalla famigerata concorrenza.
Di cui non farò il nome, perché tanto so che cercano solamente una mia reazione, in modo che io possa sbottonarmi e successivamente possono attaccarmi con i piú subdoli dei mezzi.
Ma per una volta mi affideró alle “voci di paese”. Sí, quello che il Grillo Parlante vi sta suggerendo é vero, quello che avete sentito dire sulla concorrenza é vero, ve lo confermo ed é tutto maledettamente vero.
Cosí vi vado in culo. E vi vado in culo due volte, gli esiti dei controlli sono stati negativi dato che tutto era bellamente in regola, lasciandovi a bocca asciutta.

La seconda delle sopracitate categorie di persone sono “gli infastiditi” ed adesso vi spiegherò nel dettaglio chi sono e cosa (non) vogliono.
Vedete, secondo quanto dettomi da un ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, il limite acustico da non superare durante gli eventi in Borgo San Lorenzo é di 55 decibel.
Forse a molti di voi non é chiaro quanto pochi siano 55 decibel.
Avete presente quando in macchina tenete la radio accesa ad un volume alto-ma-non-altissimo? Ecco, all’occhio siamo attorno ai 70 decibel in tal caso.
A rendere ancora piú ostica la faccenda é che nella zona del parco delle Piscine il limite sarebbe fissato addirittura a 45 decibel, vista la presenza di una casa di riposo nei pressi della struttura.
Insomma se vi squilla il telefono fate piú casino, per capirsi.
Specificando che il rispetto nei confronti di chi alloggia nella casa di riposo non deve venire mai meno e che quindi saremo sempre estremamente vigili ed attenti nel non causar loro problemi, vi meraviglierete nel sapere che delle 30 e rotte telefonate di lamentele ricevute dai Carabinieri NEMMENO UNA sia partita dalla casa di riposo, nonostante sia ben piú vicina del resto delle abitazioni alla diffusione sonora del nostro parco.

Chi abbiamo infastidito quindi? I soliti quattro rompicoglioni, ecco chi abbiamo infastidito.
Le solite persone che, bypassando l’amministrazione comunale e rivolgendosi direttamente alla procura, hanno già provveduto alla sospensione degli eventi del PalaLisa/Tendone della Fortis.
Soggetti che molto probabilmente avrebbero di che lamentarsi della confusione anche se abitassero in cima all’Amiata, che si sono scordati di cosa vuol dire divertirsi ed essere giovani. Sempre che lo siano mai stati.

Il polverone si é alzato denso e compatto dopo la decisione della mia società di non produrre piú eventi a queste condizioni.

Questo voglio sia particolarmente chiaro: ho deciso io assieme ai miei soci di non fare piú eventi, nessun altro. Non ci sono stati revocati permessi, che sono ancora tutti strettamente in nostro possesso e nessuno ha imposto noi questa volontà.

Ho semplicemente preso questa decisione perché rischiare una denuncia penale mentre altrove, sempre in Borgo, viene fatto il bello ed il cattivo tempo, con i limiti ampiamente superati non mi sembra assolutamente giusto.

Non é giusto annullare un’intera scaletta di eventi, facendo imbestialire un’orda di artisti già bookati.

Non é giusto negare l’ennesima possibilità a questo paese di poter creare qualcosa, insieme.

Non é giusto non poter dar casa a tante persone vogliose di essere intrattenute, stanche del nulla cosmico che per anni ha caratterizzato il nostro amato Borgo.

E questa miccia che si é prepotentemente accesa da una piccola fiammellina, che stava per essere spenta dai soliti meccanismi che molto hanno impedito nella costruzione di qualcosa in passato, é la prova che se vogliamo, insieme, qualcosa possiamo ottenere.

Diamo voce a chi non ha voce.
Non ho paura di pestare i piedi alle “persone sbagliate” e cambiare in meglio Borgo San Lorenzo.

Chi é con me?

Lorenzo Baronti, amministratore Suntasy Park

Potete non condividere il linguaggio, ma la situazione è piuttosto chiara. A quanto è stato detto da loro noi aggiungiamo che è importante fare eventi che attirino i giovani che non possono permettersi di spostarsi troppo da casa, per evitare che finite le scuole superiori essi abbiano una ragione in più per scappare da Borgo senza mai più tornare. Anche nell’eventualità che un evento simile sia sotto casa nostra saremo felici se per una volta a settimana durante l’estate i giovani avessero l’occasione di divertirsi sotto casa.

Noi borghigiani del Meetup Mugello 5 Stelle appoggiamo chiunque cerchi di riaccendere il paese anche per i giovani. Sappiamo che Baronti e Consigli hanno incontrato l’amministrazione e confidiamo che si arrivi ad una soluzione che permetta al Suntasy Park di aprire di nuovo, conciliando leggi e diritto dei giovani a divertirsi.

i Borghigiani del meetup Mugello 5 Stelle

suntasy-pool-vibes-27-05-15-1

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...